Area riservata
Area riservata
Per saperne di più - Sovrappeso e obesità in età adulta
SOVRAPPESO E OBESITÀ IN ETÀ ADULTA

Per saperne di più

Per saperne di più
L’obesità e il sovrappeso sono fenomeni in continua crescita, di cui soffre un miliardo di persone nel mondo

L’obesità è una malattia cronica a genesi multifattoriale, derivante dalla interazione multipla e complessa di fattori genetici, ambientali ed individuali, in grado di determinare una alterazione del bilancio energetico: come conseguenza, si verifica un eccessivo accumulo di grasso nell’organismo, tale da influire negativamente sullo stato di salute.
Negli ultimi decenni, si è assistito a un aumento talmente marcato dei casi di sovrappeso e obesità in tutti i paesi industrializzati e nei paesi in via di sviluppo da indurre l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) a pronunciarsi in termini di “Epidemia del Terzo Millennio”.
Secondo i dati del World Watch Institut, circa 1 miliardo di persone soffre di sovrappeso e obesità: un numero pari a circa un sesto della popolazione mondiale.

In Cina
negli anni ’80 era improbabile trovare soggetti robusti. I dati odierni invece parlano del 30% di sovrappeso e 4% di obesità. Di pari passo, si assiste all’aumento delle altre malattie metaboliche (diabete di tipo 2 e sindrome metabolica).

Negli Stati Uniti d’America
i dati raccolti nello Studio NHANES (National Health and Nutrition Examination Survey), dal 1960 al 2000, dimostrano un aumento esponenziale dei casi di obesità negli adulti di tutte le classi di età tra i 20 e i 74 anni. La percentuale di obesità è passata dal 14,1% negli anni 1971-1974 al 22,5% negli anni 1988-1994, per arrivare al 31% negli anni 1999-2000. Nel periodo 2007/2008 la prevalenza di soprappeso/obesità totale (Indice di Massa Corporea o IMC > 25) ha raggiunto il 68% della popolazione (di cui 72,3% uomini e 64,1% donne).

In Europa la situazione è meno allarmante, rispetto agli USA, ma il trend in continua crescita preoccupa non poco. Lo studio WHO MONICA Project riporta un incremento medio dei casi di obesità dal 16,2% (1979-1989) al 18,6% (1989-1996). I dati più recenti del 2008 mostrano una percentuale di obesità intorno al 15,5%.

In Italia la situazione della popolazione adulta, stilata dall’Istituto Auxologico Italiano sull’obesità dal 1996 al 2000, sembra abbastanza confortante, con una percentuale che si attesta intorno al 9,7%, e un tasso di crescita di 2,4 punti dal 1994 al 2000 [6] .
Gli studi condotti su campioni rappresentativi della popolazione italiana tra il 2001 e il 2008 evidenziano un 8,9% di obesità totale e 31,8% di sovrappeso. Il 55,3% degli uomini soffre di sovrappeso e obesità (di cui 8,5% obesità, 39,8% sovrappeso) e il 34,5% nelle donne (di cui 9,4% obesità, 24,4% soprappeso). A oggi, l’Italia risulta essere il paese europeo con il più basso tasso di obesità in età adulta. Nell’età evolutiva, tuttavia, deteniamo assieme a Spagna e Grecia il triste primato dei bambini più grassi della Comunità Europea. Nella fascia di età compresa tra i 7 e gli 11 anni la percentuale di bambini sovrappeso o francamente obesi è del 36%, con una prevalenza nel sesso maschile e nelle regioni del centro-sud.

Il continuo dilagare del fenomeno obesità ha messo in stato di allarme i governi dell’intero mondo occidentale: il costo socio-economico necessario per fronteggiare le conseguenze fisiche e psicologiche dell’obesità e delle malattie correlate (diabete di tipo 2, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari etc.) è elevatissimo. A tutto ciò si contrappone il mondo dei mass-media e dell’industria della dieta, che dipinge un quadro roseo, fatto di risultati facili e rapidi attraverso “diete o preparati miracolosi”. Il proliferare di tali approcci all’obesità dipende dalla convinzione comune che il problema del peso dell’individuo sia il frutto della scarsa volontà (visione moralistica). Questi tipi di interventi sono caratterizzati da cali ponderali anche importanti in un breve periodo di tempo, ma sono seguiti inesorabilmente dal totale recupero del peso perduto con effetti disastrosi sulla salute fisica (“Sindrome Yo-Yo” e conseguente aumentato rischio cardiovascolare). Gli effetti sono negativi anche dal punto di vista psicologico (i fallimenti continui sfociano inizialmente in sentimenti di frustrazione e sensi di colpa e, in una fase successiva, in un quadro di bassa autostima e depressione).

I dati scientifici a nostra disposizione collocano l’obesità tra le malattie croniche, a forte predisposizione genetica (come il diabete di tipo 2 , l’ipertensione arteriosa, etc.), la cui soluzione non è la guarigione immediata (non basta perdere tanti chili in breve tempo) bensì la gestione a lungo termine del peso perduto.
L’efficacia dei programmi per la cura del sovrappeso-obesità si misura non solo in termini di perdita ma soprattutto di mantenimento a lungo termine del peso perduto. La realizzazione di questi due obiettivi a breve e lungo termine richiede l’attuazione di programmi complessi, integrati e multi professionali, in grado di fornire le giuste informazioni sui meccanismi di regolazione del peso corporeo, sulle cause responsabili del bilancio energetico positivo con accumulo di grasso corporeo, sulle complicanze fisiche e psicologiche dell’eccesso ponderale, sulle terapie più accreditate nella cura dell’obesità (intervento educazionale) e sullo sviluppo di abilità personali di tipo comportamentale e cognitivo: solo così si possono determinare cambiamenti duraturi nello stile di vita, indispensabili per il mantenimento del peso corporeo (intervento cognitivo-comportamentale).

CONTATTACI

Richiedi ora la tua consulenza personalizzata,
anche online!

Sovrappeso e obesità in età adulta
 
Per saperne di più
   
 
Il nostro programma
   
 
I nostri strumenti
   
   
Sovrappeso e obesità in età evolutiva
   
Disturbi comportamento alimentare
   
Alimentazione e sport
   
Allergie e intolleranze alimentari
   
Alimentazione in particolari situazioni fisiologiche
   
Richiedi la tua consulenza
Studio medico Thuya
Via Milano, 14 - 25126 Brescia

Villa Thuya - San Paolo (Bs)
Via N. Sauro, 34 - Asola (Mn)

> Contatta lo studio, clicca qui! | mappa del sito | credits | privacy
  Home / Struttura / Equipe / Prestazioni e servizi / Strumenti on-line / News / Contatti